Video

I “SELFIE” DI MICHELANGELO

Viviamo nell’era del selfie, l’autoritratto scattato con lo smartphone e messo sul sito di un social network. Una moda a cui non resiste nessuno, neppure Obama e papa Francesco. Il fenomeno, in realtà, non è poi così nuovo. Come racconta James Hall nel libro “The Self Portrait: A Cultural History”, l’autoritratto ha una storia plurisecolare, ed è stato praticato dagli artisti di ogni epoca e nazionalità. Ne parla Riccardo Chiaberge con lo storico dell’arte Claudio Strinati.

Idee. Un libro

guida_firenze

 

A. Fineschi – S. Filipponi, I bambini alla scoperta di Firenze, Edizioni Lapis.

 

Bambini, ragazzi,

avete mai passeggiato per le strade della nostra città soffermandovi a osservare monumenti, palazzi, piazze di cui avreste voluto conoscere la storia?

Quante volte chiedendo informazioni non sempre siete riusciti a sapere ciò che volevate e magari avete dovuto ascoltare lunghe e noiose spiegazioni?

Questo libro, rivolto a tutti voi che volete “scoprire” Firenze, forse non darà risposta a tutte le vostre domande, ma certamente vi farà conoscere meglio questa città.

Conoscere la sua lunga storia vi insegnerà a rispettare i monumenti che il passato ci ha lasciato, scoprirla in compagnia di amici sarà poi un’avventura entusiasmante.

Nel volume troverete tracce e spunti che renderanno piacevole e divertente la vostra visita, imparando a conoscere meglio quali storie nascondono le mura, le pietre, i colori, gli spazi.

E allora buona passeggiata per Firenze e buon divertimento.

 

Nella stessa collana: I bambini alla scoperta di… Roma, Bologna, Venezia, Milano, San Marino… Vedi Edizioni Lapis

ArtEventi. Progetti didattici

esplorando-larte

Esplorando l’Arte è un percorso guidato interattivo per conoscere e riconoscere gli artisti. Dedicato a tutti coloro che amano l’arte, è rivolto agli studenti delle scuole primarie e secondarie di 1° grado, ai loro insegnanti e presenta due livelli di approfondimento. Un simpatico pennello nelle vesti di critico d’arte guida alla conoscenza di Van Gogh, Chagall, Mirò e Kandinsky.

matidada

Matì è un’allegra bambina di 7 anni, e Dadà è un oggetto-personaggio imprevedibile: testa d’ uovo, corpo da trottola, e un occhio-ingranaggio per vedere da vicino le opere d’arte. I due amici vengono catapultati negli atelier dei grandi maestri, in un viaggio alla scoperta dell’arte e dentro le opere. E ogni volta Mantegna, Picasso, Bruegel, Toulouse-Lautrec e tanti altri ricambieranno l’aiuto di Matì e Dadà svelando i segreti della loro tecnica artistica e della loro poetica.
Sitiweb:

Tammam Azzam. Il bacio di Klimt sulle macerie siriane

L’artista siriano Tammam Azzam protesta contro l’indifferenza.

Tammam Azzam

tammam-azzam-artist-portraitLe tele dell’artista siriano Tammam Azzam sono esperimenti nell’applicazione di diversi media. Componenti insoliti come una corda, spille, vestiti e altri oggetti trovati sono impiegati per creare profondità, struttura e spazio, per raggiungere un equilibrio sorprendente tra gli oggetti ordinari che l’artista ritrae e il grande terreno che evoca. Per Azzam, tale metodologia facilita la creazione di un’opera d’arte come una “forma ibrida”, che è in grado di prendere in prestito per vedere come moltiplicandola si evolve.

Sue opere recenti hanno usato i media digitali per esaminare gli sconvolgimenti politici e sociali in corso in Siria, ed i cicli di violenza e distruzione nel suo paese. Ogni opera coincide con un evento particolare della rivolta, raffigurante una varietà di immagini fratturate e ferite della Siria, pedine di scacchi caduti e altri simboli riconfigurati nelle riflessioni potenti delle turbolenze di fronte ai suoi connazionali.

Nato a Damasco nel 1980, Tammam Azzam vive e lavora a Dubai. Principali mostre personali e collettive includono Ayyam Galleria Al Quoz, Dubai (2012, 2009); Ayyam Galleria DIFC, Dubai (2011), Galleria Ayyam Beirut (2010); Ayyam Galleria Damasco (2010).

(Fonte: Ayyam Gallery)

Video

Klimt. Le tre età della donna

Klimt_Le_tre_età_della_donna_600Gustav Klimt, Le tre età della donna, 1905. Olio su tela, 180×180 cm.

Nell’opera sono raffigurate tre figure femminili: a sinistra una donna anziana e a destra una giovane con una bimba in braccio.

La prima posta di profilo è completamente nuda, ha il capo chinato, il braccio sinistro piegato con la mano che copre gli occhi, mentre il destro scende lungo il corpo. La sua immagine è molto espressiva e di forte impatto a causa dell’estremo realismo: le spalle sono molto curve, i capelli lunghi castani non sono luminosi, il seno è deformato e il ventre gonfio fa contrasto con il corpo magro dalla pelle di un colore ormai spento e quasi scuro.

La donna giovane invece è raffigurata frontalmente ed è coperta soltanto da un velo semitrasparente azzurro e violetto. Ha il capo chinato a sinistra (che ricorda la figura della donna rappresentata ne “Il bacio”) appoggiato sulla testa della bimba. La sua carnagione diafana e luminosa contrasta fortemente con quella dell’anziana, così come i capelli dal colore biondo dorato. La piccola è paffuta ed ha le guance rosate. Entrambe hanno gli occhi chiusi come se stessero sognando o fossero immerse in una dimensione irreale, felice, spirituale. Questo perchè si trovano su uno sfondo dorato, colorato di tinte pastello e molto decorato anche di motivi geometrici. La donna vecchia invece si trova su un piano arretrato, dallo sfondo più scuro, composto di toni che vanno dall’ocra al marrone al nero.

In quest’opera Klimt rappresenta un tema che ricorre spesso nei suoi quadri ed a lui molto caro: la precarietà della vita e della bellezza. E’ un’allegoria della vita, nella quale c’è la nascita, la fanciullezza, la maternità, la vecchiaia e la morte.

Il gesto dell’anziana che si copre gli occhi è molto drammatico e rappresenta la rinuncia ad affrontare la nuda realtà della morte. Essa simboleggia quindi il tempo che scorre inesorabile e la morte che minaccia l’uomo.

In netto contrasto è invece la giovane con la bimba, simbolo di maternità e proprio per questo immersa in un’atmosfera irreale, trasognata e quasi sacra. L’abbraccio della madre è delicatissimo e avvolgente, tanto che i loro corpi sembrano un tutt’uno. Entrambe si trovano distanti dalla vecchiaia (e dalla morte) sia concettualmente che visivamente. Le tre donne hanno gli occhi chiusi, ma con significati ben diversi: la mamma e la bambina infatti sono immerse nei loro sogni, mentre la vecchia, nascondendosi il volto con la mano, è l’impossibilità di sognare. Klimt inoltre sceglie tre figure femminili a rappresentare questo tema perchè è tramite la donna che può nascere la vita. Infatti nell’anziana uno dei particolari più evidenti è il grembo ormai deformato e freddo, incapace di donare la vita.

Molto particolare è lo sfondo, ricco di sfumature grigie e brune, illuminate nella parte superiore specialmente da una sorta di pulviscolo bianco. In alto una fascia nera che si interrompe sulla sinistra, somiglia ad una voragine. Lo sfondo così piatto e dorato riduce l’immagine a due sole dimensioni, tratto che caratterizza i mosaici bizantini che l’artista ebbe modo di vedere durante un viaggio in Italia.

La donna nelle opere di klimt

La figura femminile è protagonista in quasi tutte le opere di Klimt, a volte come ritratto vero e proprio, assai più spesso come musa, divinità o allegoria, come in questo dipinto, nel quale l’artista rappresenta tutto l’arco dell’esistenza umana.

La bimba addormentata tra le braccia della mamma, infatti, rappresenta l’alba della vita. La giovane donna che si stringe sognante alla sua bambina allude al pieno fiorire della vita. L’anziana dolorosamente china su se stessa, nel presagio della fine imminente, raffigura il tramonto della vita.

Questo dipinto di Klimt, uno dei pochissimi conservati in Italia, venne premiato con la medaglia d’oro all’Esposizione Internazionale d’arte di Roma nel 1911, attestando la fama raggiunta in quel periodo dall’artista.

La figura femminile è protagonista in quasi tutte le opere di Klimt, a volte come ritratto vero e proprio, assai più spesso come musa, divinità o allegoria, come in questo dipinto, nel quale l’artista rappresenta tutto l’arco dell’esistenza umana.

La bimba addormentata tra le braccia della mamma, infatti, rappresenta l’alba della vita. La giovane donna che si stringe sognante alla sua bambina allude al pieno fiorire della vita. L’anziana dolorosamente china su se stessa, nel presagio della fine imminente, raffigura il tramonto della vita.

Questo dipinto di Klimt, uno dei pochissimi conservati in Italia, venne premiato con la medaglia d’oro all’Esposizione Internazionale d’arte di Roma nel 1911, attestando la fama raggiunta in quel periodo dall’artista.

Dopo aver visto il video, quale di questi screenshots non appartiene al filmato?

Fotogramma A Fotogramma B Fotogramma C

 

Classi Prime. Il mio libro nella nuvola

1. Istruzioni – Come scaricare il tuo eBooK: clicca qui

2. Si accede così anche alle risorse per lo studente

… e Buon Anno Scolastico!!!

_________________________________________________

killing-question-9224668

RICAPITOLIAMO

1

2

  • Clicca su ATTIVA OPERA e inserisci la CHIAVE DI ATTIVAZIONE (la trovi stampata nel bollino argentato nella prima pagine del libro), poi CONFERMA.

3

  • Scarica gratuitamente l’applicazione di lettura per il computer dal sito Booktab.it.

  • Una volta istallata, clicca sul tasto LOGIN e iscriviti a Booktab usando la stessa mail e password di my.zanichelli.

  • Vedrai apparire il tuo libro, clicca sulla sua copertina e scarica i tuoi capitoli. Puoi scaricarne anche uno alla volta: ora ci serve PREISTORIA E VICINO ORIENTE.

Se hai problemi, lasciami un commento! Io e i tuoi compagni che ci sono riusciti, ti aiuteremo!!!

4

  • Poi potrai navigare l’e-Book.

Buon Lavoro